Tarocchi – origini

TAROCCHI-top

INTRO ORIGINI INSEGNANTE BTN-CONSULTAZIONI INCONTRI-00

ORIGINI DEI TAROCCHI MOTHERPEACE

tar-bastoniAlla fine degli anni ’70 Vicki Noble e Karen Vogel diventarono compagne di ricerca e di scrittura, vivendo in una grande casa a Berkeley California, con le due figlie di Vicki e due gatti. Emergevano da una formazione accademica, Karen in antropologia e storia e Vicki in storia e studi femminili, per entrare nel campo della guarigione alternativa, studi psichici, antiche tradizioni magiche e occulte, e spiritualità della Dea.

Con la combinata attenzione femminista approfondirono l’arte antica, la preistoria, le culture tribali della Dea, scoprendo quello che risultò essere un antico, continuo, sacro lignaggio femminile che risaliva indietro fino a quando la memoria umana può giungere. “Sembrava che il Fato ci avesse riunite per fare questa ricerca e scrivere un grande libro su questi argomenti, e invece eravamo dei condotti inconsapevoli per la manifestazione del sorprendente mazzo di Tarocchi Madrepace”.

tar-pentaNel creare il mazzo Madrepace furono in grado di utilizzare la loro ricerca in varie culture da ogni continente. Si volsero a guardare indietro di trentamila anni di arte e cinque milioni di anni di evoluzione umana. La loro investigazione le condusse a studiare molte grandi culture tribali della Dea dall’Africa, le Americhe, l’Asia, l’Australia e l’Europa. Tutta questa conoscenza scorre nelle immagini Madrepace, sia che si leggano o no i loro libri, o si studino i tarocchi.

L’esatta origine delle carte dei tarocchi è un mistero. Essi condividono la storia con le carte da gioco che apparvero nel 1300 nell’Europa medioevale. Il primo mazzo vero e proprio di tarocchi risale al 1400, nel Rinascimento italiano.

La storia delle origini che si racconta più spesso è che i saggi delle culture antiche erano guaritori, sciamani, cantastorie e altri artisti, che si trovarono a scegliere tra scrivere la loro saggezza in testi spirituali o filosofici oppure mettere la loro conoscenza in un gioco. Decisero che un gioco di carte sarebbe durato più a lungo, e sarebbe stato più accessibile a tutti e anche più facile da nascondere ai poteri forti.

Alcuni studiosi ipotizzano che le carte e i tarocchi siano venuti in Europa con gli Zingari, che si dice discendessero da un popolo che adorava la Dea nell’India, conosciuto come Dravidi.

tar-coppeIndipendentemente da come sono nati i tarocchi, i messaggi codificati nelle carte riflettono la moralità e le visioni del mondo di un tempo antico. Creando le immagini del mazzo di Tarocchi Madrepace Vicki Noble e Karen Vogel trassero ispirazione dalle antiche culture della Dea e dai popoli basati sulla terra, perché percepivano che quelle culture erano una fonte originale per la saggezza trovata nei tarocchi. Il mazzo Madrepace è un ponte proiettato indietro verso un’era in cui veniva attribuito un grande valore all’espressione artistica e al rito, quando le comunità sostenevano l’unicità individuale così come il benessere del gruppo. Rappresentarono immagini di popoli in diversi ruoli che si concentravano su tempi e luoghi in cui le donne erano guide o partecipanti attive in sfere che travalicavano la loro famiglia immediata. Le carte Madrepace divennero più che uno strumento di divinazione: esse erano, e sono, un processo di guarigione fondamentale per superare le limitazioni di ruolo di genere, età, razza e classe trovate nella nostra società.

Karen Vogel è una rinomata intuitiva, insegnante e scrittrice e anche straordinaria artista. Ha una laurea in antropologia e un retroterra in studi femminili, arte e storia dello sciamanismo. È cresciuta a New York City e ha esplorato molti luoghi.

Vicki Noble è una radicale, guaritrice femminista, autrice, studiosa indipendente e insegnante di saggezza. Nata nel 1947 e cresciuta nello Iowa, si è risvegliata alla Dea e alla Spiritualità femminile arrivando a Berkeley, California nel 1976. Ha scritto diversi libri, come Shakti Woman (un manuale per guaritori) e la Doppia Dea (una storia dello sciamanismo femminile). Ha sviluppato un potente processo rituale di guarigione, insegna e tiene conferenze a livello internazionale, ha guidato viaggi di donne in pellegrinaggio a luoghi sacri alle Dee in tutto il mondo. Vicki ha cresciuto due figlie – Robyn e Brooke – e vive a Santa Cruz, California, con il suo figlio speciale Aaron Eagle, che è stato il soggetto del suo libro Down Is Up for Aaron Eagle.

I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito.
Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Informativa Privacy
Ok